La vittoria

"Thank you note for every language" di woodleywonderworks (da Flickr.com)
"Thank you note for every language" di woodleywonderworks (da Flickr.com)

Quando tempo fa chiesi a Simone di darmi una mano nel preparare la grafica per il materiale cartaceo, per il sito ardesiounita.it e per i manifesti, non ho avuto dubbi nel rispondere alle sue richieste inerenti la cifra stilistica che avrebbe dovuto caratterizzare il lavoro: mettiamoci la faccia, risposi, dato che questa era esattamente la filosofia con la quale avevamo operato fino a quel punto. Facce che quindi sono finite dappertutto, con dei primissimi piani che evidenziassero i dettagli perché non c’era nulla da nascondere, anzi, non abbiamo altro che quelle e saranno gli strumenti di lavoro dei prossimi 5 anni. Il bianco e nero che ha caratterizzato l’impatto visivo della stragrande maggioranza delle foto, inoltre, aveva il preciso scopo di manifestare l’importanza di una visione che guarda fermamente al futuro ma con i piedi saldamente ancorati nel passato. Facce magari non bellissime, lo sappiamo, ma sicuramente credibili, ed il voto del 15 e 16 maggio 2011 lo ha sottolineato inequivocabilmente.

Smaltita l’euforia delle prime quarantotto ore dal risultato elettorale, è doveroso e fondamentale ringraziare tutta la popolazione ardesiana che ha premiato un progetto come il nostro, nella speranza che le aspettative non vengano disattese: sarà nostra premura lavorare il più possibile affinchè Ardesio possa guardare con fiducia ed ottimismo al futuro.

Le persone che hanno collaborato alla raggiunta di questo importante traguardo sono veramente tante, per non dimenticare nessuno evito di fare degli elenchi ma vorrei spendere due parole per il vero vincitore (morale, ma anche materiale date le numerosissime preferenze ottenute) di queste elezioni, ovvero Giorgio Fornoni: a nome di tutti, grazie per tutto quello che hai fatto e che farai, Giorgio, hai contribuito enormemente a creare un’armonia diffusa ed un clima di positività e responsabilità all’interno di un gruppo che ha dimostrato di saper lavorare con concretezza e con attenzione e che ora avrà nuovamente un’occasione per poter fare del “buon governo” per il proprio Comune.  Grazie, di cuore.

Alberto Bigoni