"Frozen apple tree leaves" di elPadawan
"Frozen apple tree leaves" di elPadawan

L’ondata di gelo che ha investito in questi giorni l’Italia ha prodotto i suoi effetti anche sul sistema di approvvigionamento idrico, interessando le sorgenti che alimentano l’acquedotto del capoluogo di Ardesio. Nella mattinata odierna sono progressivamente aumentate le segnalazioni di cittadini che lamentavano la mancanza di acqua dai rubinetti, soprattutto per gli edifici situati in posizione più elevata. A seguito delle immediate segnalazioni da parte dell’Ufficio Tecnico comunale, la Società UNIACQUE SpA, che gestisce il sistema idrico di Ardesio, ha verificato che nelle ultime 48 ore il gelo ha pressoché prosciugato la sorgente denominata “stala del rusì” che alimenta gran parte della rete del capoluogo.

In collaborazione con il personale dell’Ufficio Tecnico, UNIACQUE ha attivato alcuni interventi di miglioramento dell’apporto idrico; questi interventi, unitamente alle limitazioni date all’uso di acqua da parte delle attività produttive, hanno riattivato una capacità di accumulo che sta lentamente ricostituendo le scorte. Nel frattempo è stato predisposto un programma di emergenza per integrare le scorte anche con l’eventuale apporto di acqua trasportata con autobotti, da attivare sulla scorta di un continuo monitoraggio delle scorte che UNIACQUE si è impegnata a garantire con continuità per i prossimi giorni.  Tenuto conto dei tempi necessari e delle previsioni di proseguimento delle temperature polari per l’intera settimana, il Sindaco di Ardesio ha comunque ritenuto opportuno segnalare alla popolazione questo stato di carenza idrica, invitando tutti i cittadini a contenere al massimo i consumi. Nelle prossime 24 ore si provvederà ad aggiornare la situazione anche con l’assunzione di nuovi eventuali provvedimenti che si rendessero necessari nel caso in cui gli interventi già attuati tardassero a produrre risultati soddisfacenti e stabili.