Ordinanza per la regolamentazione della circolazione stradale della Corte

La strada Corte su Google Maps

Sabato 22 giugno 2012 il Comune di Ardesio ha emesso l’ordinanza n.39, a firma del Segretario Comunale, avente come oggetto “Ordinanza per la regolamentazione della circolazione stradale“.

Con il documento si ordina l’istituzione del divieto di transito lungo strada denominata “STRADA VICINALE DELLA CORTE” esteso a tutti i veicoli, a partire dal tratto immediatamente a monte del bacino acquedotti stico comunale in prossimità del tratto asfaltato di via Alpe Corte. Il divieto ha validità fino a revoca dell’ordinanza stessa.

La strada Corte su Google Maps
La strada Corte su Google Maps

Le immagini delle condizioni della strada:

[flashgallery link=”file” columns=”1″ orderby=”title” scaling = “fit” background = “http://www.ardesiounita.it/materiale/img/background.jpg”]

Clicca qui per procedere al download dell’ordinanza, che viene comunque qui di seguito riportata:

IL RESPONSABILE SERVIZIO POLIZIA LOCALE

PREMESSO che:

  • La strada vicinale della Corte costituisce uno storico percorso che consente l’accesso ai passi della Marogella e del Branchino, da cui si accede alla valle Brembana, e al sentiero dei fiori che costeggia il monte Arera;
  • La stessa strada consente l’accesso ad una serie di alpeggi di grande importanza, tra cui alpe Corte, alpe Neel e alpe Campagano, a loro volta dotati di baite e dotazioni per l’esercizio dell’attività agricola, con presenza di mandrie di bovini e greggi durante la stagione estiva;
  • Grazie al transito permesso dalla suddetta strada, in epoca più recente si sono inoltre consolidati insediamenti con valenza escursionistica di forte utilizzo quali il rifugio Alpe Corte, il rifugio Branchino e la baita Neel bassa, a cui si aggiunge una estesa rete di infrastrutture di derivazione delle acque per la produzione di energia presso la centrale idroelettrica di Valcanale;
  • Inoltre tale strada consente un favorevole sfruttamento e manutenzione del fitto bosco di conifere, che attraversa lunga tutta la sua lunghezza e che prosegue sino alla quota di 1700 m circa, oltre il rifugio Alpe Corte;

VISTA la relazione sulle condizioni di transitabilità della strada vicinale della Corte, rilasciata dal responsabile dell’ufficio Tecnico del Comune di Ardesio in data 20 giugno 2012, prot. N° 2616, dalla quale si evince che l’attuale stato di transitabilità è possibile solamente con mezzi dotati di trazione integrale e riduttore di velocità, con carichi limitati e condotti da soggetti dotati di grande perizia ed esperienza di conduzione su terreni impervi e sconnessi;

CONSIDERATO che:

  • Le situazioni di pericolo sono enfatizzate dal verificarsi di condizioni meteorologiche avverse, soprattutto per la percorrenza in discesa, in quanto le sconnessioni e le irregolarità lungo l’asse trasversale della carreggiata appaiono meno visibili con anticipo rafforzate dal peso del mezzo;
  • Trovandosi in zona montuosa sono frequenti improvvisi temporali e piogge di forte intensità, nonché situazioni di presenza di banchi di nebbia, riducendo per cui, secondo quanto detto precedentemente, la visibilità;
  • L’attuale stato di transitabilità, secondo le relazione tecnica, è possibile solamente da soggetti dotati di grande perizia ed esperienza di conduzione su terreni impervi e sconnessi, per cui sarebbe;
  • Non vi sono modalità oggettive per definire se un soggetto alla guida di un mezzo sia dotato, secondo quanto detto precedentemente, di grande perizia ed esperienza;
  • Ai sensi dell’art. 18 del Regolamento Comunale per la realizzazione e la regolamentazione del transito sulla viabilità agro-silvo-pastorale, approvato con Deliberazione Consiliare n. 53 del 24/10/2006 e s.m.i., possono essere trasportate, compatibilmente con le normative vigenti in materia di circolazione stradale, anche altre persone, oltre al titolare dell’autorizzazione;
  • Il permesso, ai sensi dell’art. 11 del suddetto regolamento, abilita solo il titolare dell’autorizzazione, o ai discendenti o collaterali di primo grado, al transito lungo la strada con il veicolo autorizzato;
  • Potrebbe verificarsi, come già accade, che il mezzo autorizzato al transito venga condotto lungo la strada vicinale della corte da persona non abilitata, secondo quanto detto precedentemente;

Diversi mezzi e persone transito lungo la strada vicinale della corte senza alcun tipo di autorizzazione o reale necessità;

VISTA la strada denominata “Strada vicinale della Corte” nel tratto compreso il piazzale asfaltato in corrispondenza del bivio con la strada degli ex impianti sciistici di Valcanale e il rifugio Alpe Corte;

RILEVATA l’elevata difficoltà al transito

VISTO l’art. 1 c.1 del C.d.S. (D.Lgs. 285/92 e s.m.i.) che mette la sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo stato;

COSTATATO che la chiusura della strada in premessa è resa necessaria da comprovate esigenze di sicurezza;

SENTITO il parere degli uffici comunali competenti;

RITENUTO necessario chiudere al traffico veicolare la predetta strada al fine garantire la sicurezza delle persone;

DATO ATTO che la strada denominata “strada Vicinale della corte” rientra nell’elenco della viabilità Agro-Silvo-Pastorale;

VISTO l’art. 12 del Regolamento Comunale per la realizzazione e la regolamentazione del transito sulla viabilità agro-silvo-pastorale, approvato con Deliberazione Consiliare n. 53 del 24/10/2006 e s.m.i.;

VISTI gli artt. 6 e 7, del Codice della Strada, D.L.vo 30 aprile 1992, N° 285 e relativo Regolamento di esecuzione D.P.R. 16 dicembre 1992, N° 495;

VISTO l’art. 107 del D.lgs 18 Agosto 2000 N° 267;

ORDINA

1. L’ISTITUZIONE del divieto di transito lungo strada denominata “STRADA VICINALE DELLA CORTE” esteso a tutti i veicoli, a partire dal tratto immediatamente a monte del bacino acquedotti stico comunale in prossimità del tratto asfaltato di via Alpe Corte;

2. Il divieto di cui al punto 1 ha validità fino a revoca della presente;

DISPONE

1. la pubblicazione all’albo pretorio della presente ordinanza;

2. l’apposizione della prescritta segnaletica stradale e opportuna transennatura a cura dell’Ufficio Tecnico Comunale;

3. l’affissione di una copia della presente ordinanza all’accesso della strada vicinale della corte;

4. la revoca, con apposito provvedimento e notificato ad ogni titolare di autorizzazione, di tutti i permessi finora rilasciati validi lungo la presente strada;

5. che non vengano rilasciati nuovi permessi, con decorrenza immediata, di autorizzazione al transito lungo la strada vicinale della corte, fino a revoca della presente o a nuova disposizione;

AVVERTE

Che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dall’adozione o, in alternativa, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nonché ricorso straordinario al Capo dello Stato da proporsi entro 120 gg. dalla stessa data.

Gli agenti della forza pubblica sono incaricati di farla osservare.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Alletto Dott. Salvatore

 

Nella giornata di oggi, mercoledì 27 giugno 2012, è stata convocata dall’amministrazione comunale un’assemblea per tutti i soggetti coinvolti a vario titolo (proprietari, frontisti, etc..) nell’uso e nella gestione della strada vicinale: una cinquantina i convocati, la metà circa i convenuti. Lo scopo dell’incontro era il voler informare dell’avvenuta emanazione dell’ordinanza e per sensibilizzare i presenti al problema della sistemazione urgente dei tratti di strada più sconnessi. Si è colta quindi l’occasione per ricordare quanto citato dall’amministrazione durante l’incontro del 21 marzo 2012, quando il Sindaco Bigoni ricordò la necessità di attivare lo strumento del consorzio per la strada in oggetto.