"Caslon metal type letters and numbers" di Leo Reynolds
“Caslon metal type letters and numbers” di Leo Reynolds

Le intense giornate di controllo dei versanti del fronte nevoso della valanga di Ludrigno, non ancora terminate viste le pessime condizioni meteo previste nelle prossime giornate, unitamente alle condizioni dei pendii del monte Timogno, hanno indotto il sindaco di Ardesio, Alberto Bigoni, a scrivere una lettera all’Assessore alla Sicurezza, alla Protezione Civile e all’Immigrazione di Regione Lombardia, Simona Bordonali, per chiedere il ripristino del “protocollo valanghe” nato nel 2010 sulla scorta dell’esperienza della gestione dell’emergenza valanghe del febbraio-marzo del 2009, rinnovato nel 2011 e concluso nel 2012. Nel 2013, infatti, non è stato rinnovato. Il protocollo, sottoscritto da Regione Lombardia, Prefettura di Bergamo, Provincia di Bergamo, Comunità Montana Valle Brembana, Comunità Montana Valle Seriana, Comunità Montana Valle di Scalve, Arpa Lombardia e Corpo Forestale dello Stato, prevedeva l’istituzione di un Nucleo Tecnico Operativo a livello provinciale per il monitoraggio del rischio valanghe e per il supporto alle decisioni da parte degli Enti Locali nella fase di gestione di emergenza, vista la necessità di un coordinamento delle azioni e delle attività messe in atto di concerto tra gli Enti e le strutture regionali competenti in materia. Il sindaco chiede che venga rinnovato per il 2014 l’utilissimo strumento, al fine di fornire agli Enti uno elemento indispensabile per la sicurezza degli abitanti delle zone di montagna.

Clicca qui per visualizzare la lettera.

Il commento del sindaco ai microfoni di Antenna2:

httpv://www.youtube.com/watch?v=DcA36K04Wxc