Case di montagna abbandonate

Segnaliamo un’interessante iniziativa della Cipra Italia, giunta a noi tramite la newsletter di Dislivelli.eu:

Case di montagna abbandonate

Cipra Italia raccoglie idee per recuperare il patrimonio edilizio inutilizzato

Se quest’estate nel corso delle vostre escursioni vedete una casa di montagna abbandonata e destinata a crollare e vi viene in mente un progetto per farla “rivivere”, segnalatelo alla Cipra Italia che realizzerà un dossier informativo da presentare alla Presidenza Italiana della Convenzione delle Alpi, al Ministero dell’Ambiente e ad alle istituzioni locali interessate.

Dislivelli sostiene la raccolta di proposte avviata da Cipra Italia, convinta che in un periodo storico in cui il territorio alpino sta vivendo una fase di grande trasformazione sia fondamentale porre l’attenzione sulle potenzialità di questo patrimonio edilizio inutilizzato. Cipra Italia ritiene infatti che questo possa rappresentare un’occasione per pensare in modo partecipato con gli abitanti delle Alpi a nuovi utilizzi possibili che rispondono ai reali bisogni delle comunità alpine. Pezzi, dunque, di territorio che possono ritornare ad essere “luoghi” per la collettività e contribuire al processo di sviluppo dei territori alpini.


Per partecipare alla raccolta di idee per il recupero e riutilizzo di un edificio attualmente dismesso, in disuso o abbandonato all’interno del territorio alpino, inviate una proposta il più possibile dettagliata a italia@cipra.org entro il 30 settembre utilizzando la scheda allegata.
 Cipra Italia raccoglierà tutto il materiale e costruirà un dossier informativo da sottoporre alla Presidenza Italiana della Convenzione delle Alpi, al Ministero dell’Ambiente e ad alle istituzioni locali territorialmente competenti.

Scarica la scheda da compilare

"Before Cubicles People Had Offices" di George F da Flickr.com
“Before Cubicles People Had Offices” di George F da Flickr.com