“Gente in montagna”, un bando del CAI

Da L’Eco di Bergamo del 12 settembre 2014, pagina 66:

«Gente in montagna», un bando per i giovani
Il fondo patrimoniale del Cai di Bergamo offre contributi alle nuove realtà imprenditoriali in quota. 

Per partecipare c’è tempo fino al 15 novembre.

Giovani e montagna. Un binomio che ricorre sempre più spesso di questi tempi. Sarà la crisi che porta a riconsiderare anche i territori marginali, sarà la consapevolezza del valore che proprio questi territori rappresentano, ma le terre alte tornano ad attrarre. Quantitativamente è ancora poca cosa, ma si tratta comunque di segnali positivi e in controtendenza rispetto a ciò che è stato fino a poco tempo fa. In altre parole si tratta del futuro della montagna. Non a caso anche il fondo patrimoniale «Gente in montagna» – promosso dalla sezione di Bergamo del Club alpino italiano e gestito dalla Fondazione della Comunità bergamasca – ha imboccato la stessa strada. Nel 2014, per il secondo anno consecutivo, la rendita del fondo – 7.500 euro – sarà così destinata, grazie alla collaborazione con la Banca Popolare di Bergamo, la Sesaab, il Bim dei fiumi Brembo e Serio e quello dell’Oglio, a quei giovani che iniziano o comunque svolgono attività imprenditoriali (agrosilvo- pastorali, artigianali, ambientalistiche e turistiche) in grado di sostenere nuclei familiari in montagna. A disposizione ci sono tre contributi rispettivamente da 4.000, 2.500 e 1.000 euro che verranno assegnati con un bando che scadrà il 15 novembre. Entro questa data le domande dovranno essere recapitate al Palamonti la sede del Cai, in via Pizzo della Presolana a Bergamo. Requisiti: un’età non superiore ai 35 anni e la capacità dell’attività di promuovere in montagna attraverso il sostentamento di chi ci vive. Ai fini della graduatoria verranno, inoltre, presi in considerazione altri criteri come il disagio legato alle difficoltà d’accesso e di comunicazione, la condizione socio-economica dedotta dalla dichiarazione Isee, l’originalità dell’iniziativa e le sue ricadute sul territorio. Dopo aver raccolto le domande, toccherà alla giuria scegliere. Infine l’assegnazione del contributo che avverrà nel corso della cerimonia per la Giornata internazionale della montagna, il prossimo 11 dicembre, al Palamonti. Per informazioni: www.caibergamo.it

L'Eco di Bergamo, edizione del 12/09/14, pag. 66
L’Eco di Bergamo, edizione del 12/09/14, pag. 66