Elezione del Presidente della CMVS: vince Bigoni

Da l’Eco di Bergamo del 17/09/2014, pagina 36:

Nuova pagina per la Comunità montana della valle Seriana: con 22 voti a favore su 38 (degli stessi sindaci che hanno sottoscritto la sua candidatura) da ieri sera la Comunità montana della Valle Seriana ha come presidente il sindaco di Ardesio e presidente dell’Unione dei Comuni Lombarda Asta del Serio Alberto Bigoni. Quattordici voti invece per l’altro candidato Eli Pedretti, che ha incassato la fiducia di 13 primi cittadini su 14 dei suoi firmatari (era assente il sindaco di Aviatico), più la prima cittadina di Gromo (che non aveva sottoscritto nei giorni scorsi alcuna lista). Si è astenuto invece il primo cittadino di Gorno. Rinviata la nomina del vice presidente. Bigoni si è presentato in assemblea forte di una lista sostenuta da 22 sindaci, più della metà dei 38 comuni del territorio. Tra i firmatari i primi cittadini (in ordine di firma) di Ponte Nossa, Vertova, Parre, Villa d’Ogna, Piario, Premolo, Songavazzo, Onore, Castione, Rovetta, Cerete, Gandino, Casnigo, Ranica, Nembro, Pradalunga, Villa di Seri Alzano Lombardo, Leffe, Peia, Clusone e Ardesio. La giunta, già delineata al momento della candidatura, sarà così composta: con Alberto Bigoni presidente, Giacomo Benzoni di Rovetta, Simona Pezza di Ponte Nossa, Antonella Luzzana di Clusone, Giacomo Aiazzi di Casnigo, Omar Cattaneo di Vertova e Matteo Marchi di Alzano Lombardo. Nei prossimi giorni saranno distribuite le deleghe. “Crediamo molto alla territorialità e al cambiamento – ha detto Bigoni –. I temi sono tantissimi, sulla carta l’Ente ha una marea di attività, ma noi crediamo si debba principalmente lavorare su due fronti: il dissesto idrogeologico e il coordinamento dei bandi europei. Rispetto al rischio frane vogliamo imple-mentare i dati del censimento sviluppato negli anni scorsi e cercare di collaborare con gli altri enti per recuperare i fondi. Le risorse europee sono un obiettivo che solo un ente intermedio come il nostro può centrare, interagendo con l’ufficio di regione Lombardia a Bruxelles e presentandosi come un ambito di area vasta”. Passa in minoranza il presidente uscente Eli Pedretti. L’amministratore di Valgoglio nelle scorse settimane ha dichiarato la sua disponibilità per poi presentare negli ultimi giorni la sua candidatura con un elenco di 14 firme. A sostenerlo i sindaci di Albino, Aviatico, Cazzano, Cene, Colzate, Fino del Monte, Fiorano al Serio, Gandellino, Gazzaniga, Oltressenda Alta, Oneta, Selvino, Valbondione e Valgoglio. “Chi ha seguito il nostro lavoro lo sa bene – spiega Pedretti – abbiamo lavorato a un progetto con al centro la montagna. Abbiamo amato il nostro territorio, la nostra gente e l’ente che abbiamo amministrato, senza mai metterlo in discussione e facendo di tutto per rilanciarlo. Abbiamo incassato l’unanimità nelle votazioni nei bilanci di previsione, prova che la nostra gestione non è stata spinta da leve politiche. Abbiamo cercato di dare contributi a tutti, in virtù dei bisogni urgenti del territorio. Ci siamo trovati di fronte alle difficoltà dovute alla fusione delle due comunità montane, in primis relat e alla necessaria riduzione del personale, sceso da 32 persone in servizio a 18. Abbiamo cercato di lavorare per recuperare risorse portando avanti progetti utili al territorio come i nodi della viabilità, le piste ciclopedonali, la videosorveglianza e soprattutto abbiamo scommesso sul turismo, facendo nascere l’agenzia Promoserio, dotandola di strumenti e di una sede”.

L'Eco di Bergamo, edizione del 17/09/2014, pagina 36
L’Eco di Bergamo, edizione del 17/09/2014, pagina 36