Maltempo, Beccalossi: 221 opere, si attende ok del Governo

Dal sito di Regione Lombardia:

4 dicembre 2014
(Ln – Roma) “Regione Lombardia ha presentato al Governo un piano complessivo e dettagliato che prevede 221 interventi contro il dissesto idrogeologico, per un totale di investimenti pari a circa 670 milioni di euro. In attesa di avere riscontri concreti sulle risorse che ci verranno assegnate, prendiamo atto che i rappresentanti di Palazzo Chigi hanno annunciato che nel riparto nazionale verrà data priorità alle opere già supportate da progetti precisi e puntuali. Una buona notizia per la Lombardia visto che la maggior parte dei nostri interventi possiedono questi requisiti e se finanziati potrebbero essere cantierizzati in brevissimo tempo”. Lo ha detto l’assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia Viviana Beccalossi, dopo l’incontro tra Governo e Regioni tenutosi a Roma per valutare il ‘Piano Nazionale contro il dissesto idrogeologico 2015-2020’. 
CALAMITÀ NATURALI NON CONOSCONO CONFINI – “Prendo atto con soddisfazione – ha proseguito Viviana Beccalossi – che anche altre Regioni giudicano iniquo e penalizzante il sistema, usato fin qui, che su questa materia prevede di assegnare l’80% dei finanziamenti complessivi alle regioni del sud e solo il 20% a quelle del centro-nord. Siamo tutti d’accordo nel ritenere che i danni, potenziali e reali, e i lutti per le calamità naturali, non conoscono confini geografici prestabiliti”.
PRINCIPALI INTERVENTI IN LOMBARDIA – “Tra i principali interventi sui quali si sono concentrate le richieste di Regione Lombardia – ha precisato l’assessore – si segnalano oltre a quelle sui fiumi Lambro e Seveso e sull’Olona, le opere destinate a risolvere le problematiche sui nodi idraulici di Brescia e di Mantova, la rete di corsi d’acque della Bassa Bergamasca e sul Po nelle province di Lodi e Pavia. Per le aree montane – ha concluso Viviana Beccalossi – sono stati proposti diversi interventi di sistemazione di frane e corsi d’acqua in provincia di Sondrio, Como, Brescia, Varese e Lecco”.

Cattura