Il comunicato relativo all’incontro finale di “Noi Siamo le Montagne”, previsto per sabato 28 novembre 2015 alle ore 10.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Ardesio, dove verranno presentati i risultati definitivi dei lavori iniziati un paio d’anni fa:

Vuoi cambiare il nostro territorio costruendo oggi il suo futuro ?
Vuoi far conoscere a tutti la nostra storia di ieri e soprattutto di oggi ?
Vuoi imparare a raccontare tutto questo ad altri abitanti delle Alpi e della pianura ?
Se vuoi essere protagonista del cambiamento partecipa al nostro progetto!!!

Così con queste domande è cominciata due anni fa un’avventura nella quale il comune di Ardesio ha scommesso credendo ancora una volta negli abitanti della sua Valle e nell’importanza del proprio territorio.
Per rispondere a queste domande nasce nel gennaio del 2014 il progetto “Noi siamo le montagne” sviluppato all’interno del progetto DynAlpNature di Alleanza della Alpi, promosso e finanziato dall’ amministrazione comunale di Ardesio e gestito dalla Nueva Idea, agenzia che si occupa di animazione educativa, e Social Tour, tour Operator sociale che si occupa di progetti di sviluppo territoriale e comunitario.

L’obiettivo principale è stato quello di accompagnare gli abitanti in un percorso di maggiore consapevolezza delle potenzialità del proprio territorio, in particolare quelle naturalistiche, produttive, agricole e culturali, mettendo in evidenza le criticità e le positività. Imparare a raccontare tutto questo è stato l’elemento più importante e attraverso momenti formativi e laboratori specifici sulla creatività, tecniche di animazione (web-reporter, graffitismo, video creativity e foto creativity e educazione ambientale) il gruppo ha trasformato i materiali prodotti in esperienze e racconti permettendo di costruire un modello nuovo di mappa di comunità.

Nel progetto è stata importante la presa di coscienza: il vero punto di partenza per gli abitanti è stato quello di iniziare a vivere il proprio territorio in modo diverso, più coinvolgente, sentendosi protagonisti attivi, creatori e gestori del proprio presente e soprattutto orgogliosi di viverci, tenendo conto della propria storia, delle capacità e delle competenze personali.

Un gruppo di quindici persone rappresentativi dei comuni di Cerete, Songavazzo, Rovetta, Oltresenda Alta, Gromo, Gandellino, Valgoglio, Ardesio, Boario, Villa d’Ogna, Onore ha risposto alla domande lanciandosi in questa avventura che li ha visti diventare animatori dei propri territori. Attraverso un percorso formativo molto articolato i partecipanti hanno appreso l’importanza del lasciarsi coinvolgere in modo non giudicante e allo stesso tempo partecipativo, con l’entusiasmo di chi ha voglia di conoscere e scoprire. Si è così costruito un percorso che è andato al di là dei campanilismi facendo scoprire a tutti che sono molte le visioni e le “cose” che accomunano gli abitanti dello stesso territorio. Il gruppo ha imparato cosa vuol dire porsi delle domande e a cercare le risposte incontrando le altre persone: incontri non solo verbali ma prima di tutto fatti di sguardi, emozioni e accoglienza.

Il gruppo ha coinvolto gli abitanti di 11 comuni che attraverso questionari e interviste hanno potuto esprimere le proprie idee e i propri punti vi vista sui luoghi in cui abitano e nello specifico hanno raccontato di natura, tradizioni, monumenti, arte, feste, eventi, prodotti/piatti tipici, prodotti agricoli. Abbiamo così scoperto che molte sono le cose che accomunano: dall’amore per la montagna, i boschi, i prati, a molti prodotti come la polenta, casoncelli e formaggi, a feste con il Zeneru alle preoccupazioni sul proprio futuro come ad esempio avere più trasporti pubblici e la rete internet più efficente.

Per poter animare e raccontare il territori e quindi tutto quello che era emerso dai questionari e interviste, nella seconda parte del progetto, il gruppo con il contributo di nuove persone ha partecipato al corso di formazione dal titolo “MOUNTAINS BLOGGER“. Questo ha rappresentato innanzitutto un momento d’incontro tra gli abitanti del territorio nel quale ci si è confrontati sulle conoscenze in un modo nuovo e dinamico attraverso laboratori foto-video, di scrittura creativa, di educazione ambientale e lettura del territorio e di uso dei social network: un modo nuovo ed accattivante per imparare a raccontare i propri paesi.

Nasce così la “mappa di comunità on-line” interattiva e multimediale: l’aspetto innovativo di questa mappa è quello di trovarsi on-line e quindi di poter consentire a chiunque, in qualsiasi momento, di aggiornare i suoi contenuti utilizzando un linguaggio completo, moderno e diretto attraverso testi, video e foto. In questo modo il gruppo è riuscito a rispondere, fin da subito, al problema di come poter raggiungere la maggior parte delle persone che abitano il territorio e quindi di come coinvolgerli nel progetto. La mappa di comunità on line è accessibile a chiunque voglia conoscere meglio gli aspetti culturali e naturali del territorio e per chiunque abita il territorio e desidera contribuire alla sua realizzazione.

La prima parte del progetto:


I risultati dei questionari:
PRIMA PARTE: clicca qui.
SECONDA PARTE: clicca qui.

Per visionare la mappa di comunità on-line: clicca qui


Il video dell’attività formativa: