Maltempo: danni ad Ardesio e nell’alta Valle Seriana

Da l’Eco di Bergamo di venerdì 15 luglio, un articolo a firma di Enzo Valenti:


Ardesio, 800 case senza elettricità e strada interrotta

Alta Valle Seriana
I danni dell’ondata di mercoledì Ko cinque pali Enel, si ricorre ai generatori provvisori
A Bani via bloccata per frana e tetti scoperchiatiCattura
Un violento nubifragio mercoledì, dal tardo pomeriggio, si è abbattuto sull’alta valle del Serio. Cielo nero, pioggia battente e grandine, lampi e tuoni e, soprattutto, un fortissimo vento che ha sradicato alberi, spezzato rami, spazzato via le foglie, fatto volare pezzi di copertura di alcuni tetti, distrutto orti e giardini, danneggiati a Valcanale di Ardesio ben cinque pali della linea elettrica, con 800 utenti rimasti senza corrente da mercoledì pomeriggio a ieri, verso le 17, quando con due generatori provvisori è stata ripristinata la corrente. Come conseguenza del maltempo eccezionale anche ruscelli e torrentelli esondati che hanno interrotto strade, frane, linee telefoniche e segnali televisivi saltati, mancanza di corrente elettrica in tutte le contrade della Valcanale. A tutto questo si è aggiunto un calo notevole della temperatura con nevicate, sulle Orobie, a circa 2.000 metri di altitudine. Ieri mattina, con il ritorno del sereno e del sole, la colonnina del mercurio segnava infatti, al Rifugio Antonio Curò, 3 gradi e, a Valbondione circa 10 gradi. Ardesio è il comune che ha subito più danni. Il sindaco Yvan Caccia fa il punto: «Lungo la strada che da Ardesio porta alla contrada di Bani, per 7 metri di lunghezza è franato un muro alto oltre tre metri che sostiene a valle, all’altezza di una curva, la via. Abbiamo chiuso con un’ordinanza la strada». Per fortuna Bani è collegata da un’altra strada anche con Novazza di Valgoglio e Gromo, quindi non rimarrà isolata». «Intanto – aggiunge ancora Caccia – stiamo valutando con l’Ufficio tecnico le modalità per intervenire, chiedendo aiuto agli enti sovracomunali, per il rifacimento del muro franato. Altro grosso problema che ha colpito tutta la Valcanale, la mancanza di energia elettrica che ormai dura dal primo pomeriggio di mercoledì. I privati e l’Amministrazione si sono rivolti all’Enel per una soluzione. Stanno lavorando per ripristinarla, anche con l’ausilio di un elicottero, diverse squadre di operai». Gli 800 utenti rimasti senza corrente l’hanno riavuta ieri pomeriggio grazie a due generatori. Ma non è tutto: l’acqua battente ha provocato, poco a valle della contrada di Marinoni, località Piosa, la caduta di un albero e una frana sulla strada. Dopo l’intervento, nella serata di mercoledì, i vigili del fuoco di Clusone e la Protezione civile della Croce Blu di Gromo, ieri mattina alcuni mezzi meccanici hanno ultimato lo sgombero del materiale, liberando la strada. Sempre ad Ardesio il vento ha scoperchiato le copertura sia del municipio sia di un’altra casa comunale di via Paolo VI. Ditte incaricate dal Comune hanno già provveduto a tamponare i danni. Anche a Gromo danni considerevoli, verificati dal sindaco Sara Riva, accompagnata da alcuni consiglieri e dal responsabile della Protezione civile della Croce Blu, Valerio Zucchelli. Il tecnico comunale, ingegner Paola Rossi, fa il bilancio: «In via Rivo una valletta, esondando, ha ricoperto di materiale la provinciale 49, ora ripulita. La stessa valletta ha scalzato alcune griglie per cui una strada privata ora non è più sicura. Nella parte bassa, dove la valletta sfocia nel Serio, è stato ammucchiato tanto materiale e, inoltre, risulta scoperta la tubatura che porta il gas, a pressione, a Valbondione. «Abbiamo segnalato il fatto a chi di dovere», conclude Paola Rossi. Sono anche esondate altre vallette: una in località Burlamaschi e un’altra in località Bettuno. Il forte vento ha infine sollevato buona parte delle tegole dei locali comunali che ospitano la Croce Blu e, in parte, il Distretto sanitario, riversando tutto il materiale sul piazzale Pertini. Danni più contenuti a Gandellino. La pioggia ha fatto esondare una valletta che ha ostruito con materiale la strada per Foppi, mentre materiale di notevole consistenza è stato trascinato dalla valle del Tesel. Fango, ghiaia e legno si sono depositati sulla stradella dietro la parrocchiale di San Martino. A Valbondione il piano terra di un’abitazione di via Beltrame è stato allagato.

In data 16 luglio è stato pubblicato sul sito del Comune di Ardesio un avviso:

AVVISO
E-DISTRIBUZIONE SpA informa che l’alimentazione di energia elettrica lungo la Valcanale è stata in via d’urgenze garantita da cavo provvisorio dislocato nelle località “Camnare” e “Sersen”.
SI RACCOMANDA DI NON TOCCARE IL CAVO E DI MANTENERSI A DISTANZA DI SICUREZZA

Altro materiale