Consiglio comunale del 22/12/2016: Bilancio Previsionale 2017-2019

Giovedì 22 dicembre 2016 si è tenuto il consiglio comunale di Ardesio. All’ordine del giorno 17 punti, di cui ben 10 relativi all’approvazione del Bilancio Previsionale 2017-2019. La scadenza per l’adozione del testo è stata fissata dal legislatore alla fine di febbraio, ma l’amministrazione di Caccia ha giocato d’anticipo e questo è oggettivamente un bene per la vita amministrativa dell’Ente. Concetto, quest’ultimo, che è stato anche evidenziato positivamente dal consigliere Alberto Bigoni di Ardesio Unita. Ciò rilevato, il gruppo di minoranza ha sonoramente bocciato, votando a sfavore, i due punti primari del Bilancio, ovvero l’adozione del DUP (Documento Unico di Programmazione) ed il Bilancio stesso.

Le osservazioni mosse dai consiglieri

Alberto Bigoni: “Le valutazioni di questo Bilancio, in larga misura equivalente a quello degli anni precedenti sotto moltissimi punti di vista (piano TARI, aliquote varie, piano alienazioni…) si faranno a marzo/aprile 2018, con l’analisi del Conto Consuntivo. E’ il primo documento sostanziale dell’amministrazione Lega, quello con cui, per una sorta di legge del contrappasso, i consiglieri che fino a pochi mesi fa criticavano noi per i nostri Bilanci dato che non impegnavamo neanche un Euro del cospicuo avanzo di amministrazione a causa delle normative vigenti, si trovano oggi nella medesima condizione, costretti quindi ad ingegnarsi per trovare le opportune coperture nonostante il “tesoretto” disponibile ed inutilizzabile. Il Ministero delle Finanze si era impegnato a fornire il dato definitivo dei trasferimenti del Fondo di Solidarietà entro il 31/12 e, a detta del Sindaco, ad oggi non risulta ancora comunicato ufficialmente, per cui si è provveduto ad inserire una stima prudenziale. Tra le voci presenti nel DUP e nel Bilancio spicca l’assenza nella programmazione 2018 dei fondi per l’Ufficio Turistico che, risponde il sindaco, verranno messi a tempo debito. Sono presenti, inoltre, entrate stimate per circa 300.000 Euro dagli oneri di urbanizzazione per il 2017: a precisa domanda di chiarimento, dato che la media di incasso degli ultimi 5 anni è di 60/70.000 Euro circa, il sindaco ha evidenziato che dei privati, nei limiti previsti dallo strumento urbanistico vigente, hanno avanzato ben 4 distinte domande (senza nominarle):  due piani già presentati, una convenzione che arriverà presumibilmente a fine gennaio in consiglio comunale, oltre ad un’operazione con tempi più lunghi. Entro metà anno si potrà avere la certezza degli importi, dice sempre il sindaco, ma quest’ultimo si è spinto a dichiarare che la cifra indicata potrebbe essere sottostimata, visto che si stanno muovendo anche altri privati per delle singole operazioni di rilievo minore che potrebbe concorrere ad incrementare l’entità globale. Per quanto concerne la consegna dei bidoni per la raccolta degli oli esausti, oggetto di una specifica interrogazione in cui veniva garantita la consegna entro dicembre 2016, il sindaco ha informato il consiglio comunale che si andrà a luglio 2017, per poter distribuire congiuntamente i secchielli dell’umido. Sempre per il tema raccolta rifiuti, è stato dichiarato che si provvederà entro giugno/luglio alla predisposizione di un servizio raccolta ingombranti a chiamata, a saldo zero per le casse comunali. Vigileremo sull’operato della maggioranza.”

Simone Bergamini: “Nel Bilancio di programmazione 2017-2019 mancano ben 3 interventi che riteniamo fondamentali: non si parla della realizzazione del parcheggio a Valcanale, non vi è un Euro sulla questione del Pià Spiss e del relativo recupero, non è indicato l’intervento di abbattimento delle barriere architettoniche del cimitero del capoluogo. Il sindaco ha dichiarato che sul primo tema, il parcheggio, intende chiedere una modifica della convenzione con la Comunità Montana Valle Seriana per allungare i tempi di attuazione e variare i termini del diritto di proprietà del terreno; per il Pià Spiss a gennaio 2017 intende nuovamente incontrare la società, insieme al legale del Comune fino ad oggi incaricato, avv. Paola Brambilla, per capire come meglio muoversi, rinviando la questione di qualche settimana rispetto ai termini di scadenza del procedimento emesso dalla precedente amministrazione; l’intervento al cimitero del capoluogo è rinviato all’attuazione del piano di estumulazioni in programma in primavera.”

Il gruppo di minoranza di Ardesio Unita alla luce delle risposte addotte dall’amministrazione ha votato, come detto, contro l’adozione del Bilancio nei due punti “politici” (DUP e Bilancio) mentre si è astenuta sugli altri punti attuativi (piano TARI, aliquote varie, piano alienazioni…). Le partite, su tutti i fronti immaginabili e possibili, sono di fatto rimandate.

Ardesio Unita