Anche Caccia ritira l’ordinanza anti-profughi

Foto di Quentin Keller da UnSplash.com (https://unsplash.com/photos/S7rY1LbrsCI)

Avevamo segnalato, qualche giorno fa, l’ultimatum della Prefettura lanciato ai Comuni che hanno approvato le cosiddette ordinanze anti-profughi e ci auguravamo che anche il sindaco di Ardesio, Caccia, la ritirasse. Va ricordato, infatti, che la prima di queste ordinanze era stata adottata dal Comune di Palazzago e prevedeva una multa salata a chiunque avesse ospitato profughi senza una previa comunicazione all’amministrazione, ma anche il Comune di Ardesio aveva emanato un provvedimento del genere, a firma del sindaco, in data 12 agosto 2017. Nelle scorse ore è stata pubblicata sull’albo pretorio del Comune ardesiano l’ordinanza n.41/2017 che annulla, in autotutela, l’ordinanza n.36.  L’ordinanza di agosto si è quindi rivelata illegittima e soprattutto inutile, vista l’assenza di qualsiasi effetto concreto per gli ardesiani: se n’è accorto qualcuno?


Foto di Quentin Keller da UnSplash.com (https://unsplash.com/photos/S7rY1LbrsCI)