Candidati sindaco

Giorgio Fornoni – candidato sindaco elezioni 2009

Sindaco dal giugno 2009 all’ottobre 2010

Sito web personale: www.giorgiofornoni.com

Figlio di una terra dura, ristretta da barriere fisiche e mentali quasi invalicabili, tanto avara quanto bella, terra di boscaioli, di minatori, di emigranti, Giorgio Fornoni porta in sé l’impronta di questi caratteri naturali, sia accondiscendendoli sia ribellandovisi. Egli impersona la proverbiale testardaggine del montanaro, mentre sfugge con l’anima e col corpo la culla protettiva, ma di poco orizzonte, della valle per rincorrere le esperienze, le situazioni, i paesaggi più aperti del mondo intero. Moderno Diogene, egli è sempre alla ricerca dell’Uomo, dentro la storia più antica ed ancor più nella sua espressione attuale, quella che nasce dalla sofferenza, dalle prove più ardue. Conserva e alimenta una innata curiosità per la Natura, così vicina tra i monti della sua valle Seriana, ma lì così censurata dall’ansia delle quotidianità.000_fornoni_giorgio_pic

Giorgio ha poco più di sessant’anni, è commercialista, ha lottato con tenacia per studiare e raggiungere la sua professionalità. Nel corso degli anni ha scoperto che togliendosi dalla cornice di casa può liberare maggiormente la sua fantasia e le sue capacità, può cogliere con l’effetto di una lente d’ingrandimento le particolarità dei luoghi e le diversità della gente. La sua passione per la fotografia si è presto evoluta in desiderio di documentare, di riportare al suo paese le esperienze di terre tanto lontane e i messaggi importanti di personaggi mondiali.

Appena può Giorgio parte; ormai lo fa sempre più spesso. Va in ogni zona del mondo, di solito nelle più disastrate, a realizzare reportage fotografici e video, che al valore artistico aggiungono un valore antropologico e sociale.

Tra gli altri ha intervistato il sub-comandante Marcos, capo degli Zapatisti, e i Nobel per la pace Rigoberta Menchù e Monsignor Belo. La persona che più lo ha colpito “è stato senz’altro Guayasamin – dice – un pittore di Quito, nell’Ecuador. Dipinge le angosce dell’Uomo. E’ molto amico di Garcia Marques, di Allende, di Fidel Castro, di Rigoberta Menchù. Lui è un grosso personaggio, io sono insignificante; però in qualche modo ricerchiamo le stesse cose”.

Giorgio ama anche l’Archeologia e da qualche anno partecipa alle spedizioni del professor Manuel Anati nel deserto del Neghev alla ricerca del monte Sinai della Bibbia. E’ stato anche a Nasca, l’enigmatica località nel deserto peruviano, con i suoi disegni misteriosi tracciati sul terreno che si riescono a vedere solo dal cielo.

Di quasi ogni viaggio Giorgio Fornoni realizza dei video che da qualche tempo trovano sempre maggior spazio su importanti reti televisive, anche internazionali. Se gli si chiede cosa collega le tristi realtà delle guerre dimenticate, che frequenta spesso, con l’Archeologia risponde: “C’è sempre l’Uomo, col suo passato e i suoi valori”.


Alberto Bigoni – candidato sindaco elezioni 2011

Sindaco dal maggio 2011 al maggio 2016

Data di nascita: 04/05/1978
Residenza: Ardesio
Email: alberto.bigoni (at) gmail.com

Sito web personale: www.bigoni.eu

Alberto Bigoni
Alberto Bigoni

Nato nel 1978 e residente da sempre ad Ardesio, si diploma nel 1997 presso l’I.T.I.S. di Gazzaniga come perito meccanico. Compie studi I.F.T.S. (Istruzione Formazione Tecnico Superiore) nell’ambito dei sistemi e delle tecnologie informatiche. Dal 1998 lavora come consulente aziendale del settore informatico gestionale presso una software house della media Valle Seriana, avente come prevalente zona geografica d’azione la regione Lombardia. La sua formazione culturale prevede anche un passaggio presso il Conservatorio di Brescia, sezione di Darfo Boario Terme, dove affronta con dedizione ed impegno lo studio del contrabbasso, che gli ha consentito di coltivare la passione della musica suonata, ascoltata ed organizzata, dato che collabora proficuamente con alcuni operatori del territorio bergamasco per la realizzazione di eventi di musica dal vivo. Attivo blogger (sp35valleseriana.it, ViviArdesioBaseness), crede fermamente che la Rete Internet possa offrire un’occasione di approfondimento e di confronto sui temi come nessun altro mezzo abbia mai permesso sinora.

La sua candidatura è maturata all’interno del gruppo di lavoro di “Ardesio Unita” (del quale fa parte sin dalla costituzione) dopo l’epilogo dell’esperienza di Giorgio Fornoni come Sindaco. Dopo aver constatato che da parte di Fornoni non vi era più la volontà di proseguire come figura di riferimento, il gruppo ha quindi deciso di trovare unità e coesione attorno ad un elemento che potesse incarnare quegli ideali che il noto reporter aveva indicato nella campagna elettorale del 2009, dato che lui “avrebbe preparato la strada per il cambiamento di Ardesio da affidare alle mani dei giovani”. Così è stato, anche se nessuno si aspettava un passaggio di consegne così immediato. Il mandato di Giorgio, come tutti sanno, è infatti terminato prematuramente a causa delle dimissioni di dieci consiglieri comunali sui diciassette presenti, quindi la lista civica si è trovata nella poco invidiabile condizione di dover decidere del proprio futuro avendo avuto la possibilità di esprimere il suo potenziale in soli sedici mesi (sul sito ardesiounita.it è presente un elenco di quanto fatto). Un lasso di tempo che, alla luce degli interventi avviati e dei tavoli di lavoro costituiti, è stato speso dagli esponenti rimasti fedeli a Fornoni avendo cura di rispettare i valori fondanti del gruppo: la partecipazione, la trasparenza, la sussidierietà e la responsabilità. Quest’ultimo punto è divenuto la pietra fondante sulla quale costruire l’obiettivo “amministrative 2011”: alla luce del risultato elettorale del 2009 che evidenziava infatti in maniera inequivocabile la voglia di cambiamento dei cittadini ardesiani, “Ardesio Unita” non ha potuto, oggi, in nessun modo tradire le aspettative che il voto del giugno di due anni fa aveva così chiaramente indicato. Responsabilità quindi nei confronti di un’idea e un ideale, di una marcia diversa, di un progetto ambizioso e pieno di difficoltà ma sicuramente percorribile.

Ardesio necessita ora di una rinnovata fase costituente, conclusa la parentesi del commissariamento, per la quale “Ardesio Unita” si pone con umiltà nelle mani degli elettori chiedendo loro nuovamente fiducia, consapevole del fatto che la popolazione saprà elargire con lo strumento democratico del voto gli oneri e gli onori del caso.

Questo momento storico sarà attuabile da un gruppo motivato, serio, capace e soprattutto indipendente dalle influenze esterne dei poteri forti che gravitano nell’orbita di un’amministrazione comunale.

 


Simone Bergamini – candidato sindaco elezioni 2016

Le parole che Simone scrive di se stesso sul suo sito personale:

Simone Bergamini
Simone Bergamini

Sono nato nel 1986 ad Ardesio (Bg). Nel 2004 mi diplomo al liceo scientifico presso l’Istituto Fantoni di Clusone (Bg) e nel 2010 conseguo la laurea magistrale, a pieni voti con lode, in giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bergamo. Nel 2013 conseguo l’abilitazione all’esercizio della professione forense e l’anno successivo fondo lo Studio Legale Bergamini ad Ardesio (Bg), Via Foll 1. Da anni collaboro con lo Studio Associato Colzani-Raglio-Rodondi di Brescia e dal 2012 collaboro con il MIUR in qualità di consulente esterno e coordinatore di una serie di progetti nazionali, affidati alle scuole bergamasche. La mia grande passione è la musica, che ho sempre coltivato sin da bambino, grazie al sostegno e alla pazienza del Maestro Salvoldi, vero modello di vita insieme ai miei genitori Fabrizio e Anna. Nel 2010 conseguo il diploma di trombone presso il Conservatorio “L. Marenzio” di Brescia, Sez. Dist. di Darfo Boario Terme, sotto la guida del Maestro E. Abbiatici, e nel 2012 conseguo la laurea di II livello, sempre di trombone, presso il Conservatorio “L. Marenzio” di Brescia, sotto la guida del Maestro L. Bassi. Sviluppo quindi una particolare predilezione per la direzione d’orchestra, di cui sono un vero appassionato e cultore. Dal 2008 ho la fortuna di dirigere il Corpo Musicale di Ardesio e nel 2012 conseguo il diploma triennale di direzione orchestra di fiati nel corso organizzato dall’ABBM sotto la direzione del Maestro Laserra Ingrosso, direttore della Banda della Guardia di Finanza di Roma. Suono con due gruppi di amici, prima ancora che musicisti e colleghi: i “Just a brass quintet” ed i “(G)old brass quartet”.

 

 

 


L’ascolto come punto di partenza, la mediazione e la serenità come strumenti di lavoro, la concretezza come obiettivo finale